#iorestoacasa... con i nostri anziani

“Passano i giorni
raccolti nel gomitolo della vita,

il filo che li trattiene è solo un soffio”

Gigliola Casadei

Sono loro - gli anziani- le nostre radici, la nostra memoria, la nostra storia.
Sono i vecchi con i loro sorrisi, i loro ritmi lenti e i racconti talvolta sfuocati dal tempo ad essere il cuore delle Case d’Accoglienza della Coop.va Paolo Babini, dedicate ai due sacerdoti don Mino e don Amedeo che hanno fatto un pezzo della storia della solidarietà di Forlì.
Gli operatori della “Casa d’Accoglienza don Mino” – centro diurno che ospita 35 anziani e nel quale sono attivi circa altri 30 volontari anziani – da lunedì 9 marzo hanno iniziato a tessere un filo rosso quotidiano con i loro anziani.

Come? La tecnologia accorcia le distanze e così in questo tempo di sospensione i telefonini dei figli sono diventati una porta sul mondo, attraverso la quale entrano i video di stimolazione cognitiva del lunedì, le canzoni con la chitarra del martedì. Non mancano le telefonate di supporto ed è stato attivato il servizio dello “psicologo al telefono” per i familiari, per aiutarli a fronteggiare il maggior carico di cura.

Gli operatori della Casa d’Accoglienza residenziale don Amedeo hanno fatto una scelta estrema, si sono chiusi dentro con i loro anziani per cercare di allontanare il contagio. Una famiglia nel momento del bisogno fa tutto il possibile per i suoi membri più fragili e i ‘familiari d’origine’, i figli, attraverso Skype parlano con i loro genitori e gli operatori. La paura è tanta ma non mancano il buon umore e i sorrisi.

#iorestoacasa… e in casa con gli anziani ne vale la pena, perché nessun albero senza radici può avere futuro!
Nasce da questo pensiero il video realizzato da Matteo Turci, operatore della Case d’Accoglienza.

condividi
Iscriviti alla Newsletter
sarai sempre aggiornato su novità, eventi e progetti della Coop.va
Loading…